Wintergirls

Wintergirls, di Laurie Halse Anderson
Trama:  

 
 Lia e Cassie sono amiche fin dall’infanzia, ragazze congelate nei loro fragili corpi, in competizione in un’assurda gara mortale per stabilire chi tra loro sarà la più magra. Lia conta maniacalmente le calorie di tutto quello che mangia e di notte quando i suoi non la vedono si sfinisce di ginnastica per bruciare i grassi. Le poche volte che mangia, cerca di ingerire cose che la feriscono, come cibi ultrapiccanti, in modo da “punirsi” per aver mangiato. Si gonfia d’acqua per ingannare la bilancia nei giorni in cui la pesano. Quando eccede nel cibo ricorre ai lassativi e passa il tempo a leggere i blog di ragazze con disturbi alimentari che si sostengono a vicenda.
 
 
Inizio dicendo che adoro il formato del libro e la copertina. Piccolo e carinissimo da tenere in mano 😀

Passo al libro: 5 stelline davvero meritate. Che sia perché era esattamente il libro di cui avevo bisogno in questo momento,o che semplicemente mi sia piaciuto, il libro vale la pena di essere letto.
Lia non è una ragazza, non è viva. È una ragazza d’inverno, costantemente ibernata nel suo corpo fragile, che a lei piace così, tutto ossa. E il suo problema non si limita all’anoressia. Arrivano i tagli con il rasoio, fatti per sentirsi meglio. Arriva il fantasma di Cassie, la sua migliore amica appena morta. Arrivano allucinazioni, mani pronte ad afferrarla, ragni che ridono di lei, ombre nel buio..
Al limite della follia, un bellissimo libro, che vi lascerà con un buco allo stomaco e un pensiero fisso in testa: “Perché?”
Perché portare un corpo bello e giovane al limite? Perché lasciarsi morire di fame?
Lia un motivo ce l’ha: una promessa fatta a Cassie: “Sarò più magra di te”
E per mantenerla, Lia rischia di perdere la vita.

Mi chiamo Scrivo, benvenuti nella mia testa

Descrizione del libro

“Svegliatasi in un letto d’ospedale in seguito a un coma durato due anni, Scrivo si ritrova in uno scantinato con dodici sedie ad assistere a delle sedute psichiatriche di gruppo. Sarà così costretta a lottare contro il dolore degli altri impregnandosene come una spugna e servendosene come di uno sciogligrasso per lavare via il suo. L’unico modo di trovare sollievo sarà mettere nero su bianco le storie di questi dodici folli. Quella di Howard, l’uomo che in seguito alla morte di moglie e figlia è convinto di vivere in una cartolina; quella di Colin, il bambino di appena dieci anni che soffre di attacchi di panico; quella di Stew che, accecato dal buio, si protegge con un accendino; quella di Gwen, la ragazzina scontrosa che ha trasformato il suo giardino in un gigantesco parco giochi con tanto di montagne russe. E proprio come una vertiginosa corsa sulle montagne russe, la vita di Scrivo si trasformerà in un’alternanza di adrenalina pura, incoscienza e panico totale; scricchiolii, pendii e riprese; conforto dato e ricevuto, in un vortice che va affrontato a parole, sino alla fine della corsa.”
 
La storia di Scrivo colpisce immediatamente. Raccontata sotto forma di romanzo/diario, da una ragazza che si risveglia dopo due anni di coma e che ,senza troppa premura o spiegazioni ,viene mandata nello scantinato. Dodici sedie, dodici storie che Scrivo ci racconta, usando i problemi degli altri pe capire i suoi.
Travolgente e originale, un libro che si legge nel giro di qualche ora.
 
Tratto dal libro:
 
“Questa volta Dio non ce l’ha con me.Mi ha gettato nel mondo della mia testa per farmi superare la paura di me stessa. Non voglio deluderlo. Fanculo la paura, fanculo me stessa. Sono più forte io. E non permetterò che un sentimento mi uccida lentamente.”

Recensione "Cercando Alaska"

La mia prima recensione per Ombre Angeliche sarà sul libro “Cercando Alaska. Chi sei? Chi eri? Perché te ne sei andata?” di John Green  
Titolo: Cercando Alaska-Chi sei? Chi eri? Perché te ne sei andata?
Titolo originale: Looking for Alaska
Autore: John Green
Prezzo: 15,00 euro
Pagine: 344
Data di pubblicazione: 2006
Editore: Fabbri
Trama:

Miles Halter, sedici anni, colto e introverso, comincia a frequentare un’esclusiva prep school dell’Alabama. Qui lega subito con Chip, povero e brillantissimo, ammesso alla scuola grazie a una borsa di studio, e con Alaska Young, divertente, sexy, attraente, avventurosa studentessa di cui tutti sono innamorati. Insieme bevono, fumano, stanno svegli la notte e inventano scherzi brillanti e complicati. Ma Miles non ci mette molto a capire che Alaska è infelice. e quando lei muore schiantandosi in auto vuole sapere perché. È stato davvero un incidente? O Alaska ha cercato la morte? Età di lettura : da 15 anni.”

La mia recensione:

Ammetto di aver iniziato questo libro con un po’ di esitazione perché, nonostante mi attirasse, pensavo che non mi sarebbe piaciuto. Probabilmente la copertina inquietante ha fatto la sua parte…
In ogni caso mi sono dovuta ricredere, perché questo libro è davvero un piccolo gioiello, che tutti dovrebbero leggere almeno una volta nella vita, e vi assicuro che è irrilevante se il genere di libri che leggere di solito non si avvicinano a questo romanzo, perché Cercando Alaska troverà un posticino nel vostro cuore, anche a costo di spezzarvelo ed entrarci a forza.

Il Blog Ombre Angeliche

Questo blog nasce dalla mia passione per la scrittura e per la lettura, perché da sempre i libri hanno il potere di incantare e di guarire ferite nel cuore delle persone che accettano la loro magia.
Vorrei usare questo spazio per commentare e consigliare i molti libri che leggo, sperando che le mie opinioni possano darvi spunti per nuove ed inaspettate letture, perché i libri sono come gli amici: sorprendono, rassicurano, deludono… ma meritano sempre una possibiltà.